UDINESE-LECCE 1-2, IL TABELLINO E LE PAGELLE

Vincenzo Imbriani 30 luglio 2020 0 77 Visite Totali
UDINESE-LECCE 1-2, IL TABELLINO E LE PAGELLE

UDINESE (3-5-2): Musso; Becao, Troost-Ekong, Samir; Ter Avest, Fofana (70′ Zeegelaar), Walace, De Paul, Sema; Okaka (54′ Lasagna), Nestorovski.

Allenatore: Gotti
LECCE (4-3-2-1): Gabriel; Donati, Lucioni, Paz (51′ Meccariello), Calderoni (51′ Dell’Orco); Mancosu (58′ Majer), Petriccione (83′ Tachtsidis), Barak ; Falco, Shakhov; Lapadula (83′ Saponara).
Allenatore: Liverani
Arbitro: Orsato
MARCATORI: 36′ Samir (U), 40′ Mancosu (rigore) (L), 81′ Lapadula (L)
AMMONITI: 22′ Paz (L), 46′ pt Calderoni (L), 83′ Lapadula (L), 86′ Sema (U), 93′ Donati (L)
STADIO: Dacia Arena
LE PAGELLE DELL’UDINESE: MUSSO 5,5: può fare meglio sul gol di Lapadula. BECAO 5: insicuro e scoordinato in occasione del fallo da rigore. TROOST-EKONG 5,5: non copre benissimo sul raddoppio leccese. SAMIR 6: insacca alla grande di testa nel primo tempo e ci riprova nella ripresa. Anche lui non bada a marcare sul bis giallorosso. TER AVEST 6: crea qualche spunto interessante in avanti per i friulani. FOFANA 5,5: sottotono rispetto alle ultime uscite. Fa partire il tiro dalla distanza ma non è sufficiente. ZEEGELAAR SV, WALACE 5: molto in difficoltà nell’impostare e anche nella protezione della sfera. DE PAUL 6,5: assist dal corner per Samir e gol sfiorato in un paio d’occasioni. Il top player dei bianconeri. SEMA 6,5: pressa costantemente senza freni sul lato sinistro. OKAKA 5,5: poco concreto sotto porta e, quindi, giustamente sostituito a inizio ripresa. LASAGNA 5,5: ha una grossa occasione per pareggiare i conti ma la spreca malamente. NESTOROVSKI 5,5: segna intorno alla mezz’ora ma in posizione di offside. Da quel momento si spegne esponenzialmente. GOTTI 5,5: una sconfitta indolore con la squadra, già salva, con la testa verso il prossimo campionato.
LE PAGELLE DEL LECCE: GABRIEL 6,5: prodigioso su De Paul, non commette errori nei 90 minuti. DONATI 5,5: è, a volte, protagonista di alcuni passaggi sbagliati che aprono dei varchi ai bianconeri. LUCIONI 6,5: roccioso. Non sbaglia un intervento, vero e proprio baluardo. PAZ 5,5: ammonito in partenza, è troppo prudente nel pressare gli avversari. MECCARIELLO 6,5: nessuna sbavatura, fondamentale in fase di copertura. CALDERONI 5: non è al meglio e si nota dalla serie di contrasti persi con i rivali e le poche avanzate. DELL’ORCO 6: spinge bene e non commette evidentissimi errori. MANCOSU 6,5: si prende la rivincita dal dischetto e ci prova in tutti i modi finché un brutto contrasto non lo costringe ad abbandonare il campo. MAJER 6,5: grande impatto da subentrato. Permette un continuo assedio nell’area avversaria. PETRICCIONE 6: meno in vista che in altre occasioni ma sempre utile per la costruzione del gioco. TACHTSIDIS SV, BARAK 7: molto bravo negli inserimenti e, in uno di questi tentativi, innesca con precisione Lapadula. FALCO 6,5: non è un cecchino come al Dall’Ara ma solo una buona parata di Musso gli nega la rete. SHAKHOV 5,5: si gioca poco dalle sue parti. Tuttavia non crea nulla di significativo quando ha il pallone tra i piedi. LAPADULA 7: gli basta un tap-in per siglare un gol che potrebbe dar vita a uno scenario quasi impossibile da pronosticare fino a qualche settimana fa. SAPONARA SV, LIVERANI 7: quando le motivazioni sono al massimo, il Lecce non molla un centimetro, ottenendo una vittoria meritatissima. Restano 90 minuti tra il sogno e l’oblio.
Fonte foto: Sito Ufficiale U.S.LECCE