Serve un radicale cambio di mentalita’ e di buonsenso.

Gaetano Tolomeo 4 maggio 2018 0 174 Visite Totali
Serve un radicale cambio di mentalita’ e di buonsenso.

Le squadre Italiana, in Europa, sono state tartassate da errori clamorosi degli arbitri. Per la verita’, seguendo le Semifinali di Champions e Europa League, gli arbitri ne hanno combinate di tutti i colori. E’ il momento di dare priorita’ al buonsenso, come e’ vero che Calciatori, Allenatori e Societa’ devono cambiare il modo di porsi e di comportarsi, e’ vero anche che gli arbitri devono svestirsi di presunzione e arroganza e fare un bagno di umilta’ e la UEFA deve inserire immediatamente il VAR. Vero anche che il VAR deve essere regolamentato e inserire un vero e proprio regolamento di applicazione e seguirlo alla lettera, inutile che gli arbitri minaccino scioperi, devono capire che come i Calciatori,Allenatori e Societa’ si sono dovuti adeguare alle nuove regole del calcio, loro devono evolversi e non pretendere di rimanere fossilizzati a vecchie abitudini e modi di fare, non possono pretendere di essere arroganti, depositari della verita’, anche le Forze dell’ordine non si possono piu’ permettere comportamenti e modi di espletare il loro servizio in confronto a loro colleghi di 50 anni fa. Anche gli arbitri, dato fanno parte del gioco, devono andare in conferenza stampa e spiegare le loro decisioni, partecipare e difendersi in dibattiti, rendersi conto degli errori e ammetterli, l’Arbitro non e’ piu’ come lo era Concetto Lo Bello, ma l’Arbitro fa parte di un nuovo sistema che vive in una nuova era e se non vuole rischiare l’estinzione deve aggiornarsi e cambiare il suo modo di porsi e di comportarsi in campo altrimenti via con la tecnologia e l’Arbitro seduto in Tribuna davanti a un monitor.
Il Direttore
Gaetano Tolomeo